MENU

your story

sony a9 vs canon 5ds vs nikon d5

Qualunque sia il nostro lavoro, siamo costantemente alla ricerca degli strumenti migliori per farlo.
Se sei un autista, cercherai una nuova auto che sia più piacevole da guidare, se sei un musicista, cercherai uno nuovo strumento con un timbro migliore, se sei un fotografo, sarai alla ricerca di una nuova macchina fotografica che ti restituisca immagini migliori.

Ma siamo certi che il miglioramento sia solo in un nuovo strumento ?

Acquisti compulsivi

Lo confesso, sono un acquirente compulsivo e subisco il fascino di ogni nuova diavoleria che si presenti nel mio orizzonte personale e professionale. Ma nel corso degli anni, ho per fortuna trovato un vaccino a questa cronica malattia dell’acquisto compulsivo, maturando la consapevolezza di poter vivere con meno, ma molto meno, badando all’essenza delle cose ed a ciò che serve realmente per essere soddisfatti nel lavoro, e felici nella vita.

Sony A9 vs Canon 5Ds vs Nikon D5 vs…tutti noi…

Nondimeno, mi aggiorno costantemente su quanto di nuovo ci sia nel mondo della fotografia : la nuova Canon 5ds con sensore da 50Mpixel, la nuova Sony A9 da 20 fotogrammi al secondo, la Nikon D5 dagli ISO sbalorditivi, il nuovo obiettivo Nikon 105mm 1.4 e…

…e vai a quel paese e pensa a fare queste cavolo di fotografie !
(citazione castigata dalla versione ben più colorita del grande fotografo Dennis Berti, ndr).

La versione migliore di me stesso

Alla fine, ciò che ci fa essere un avvocato migliore, un impiegato migliore, un fotografo migliore, è già in nostro possesso, non sono necessari strumenti in più o più nuovi. Semplificando ciò con cui inseguiamo i risultati, togliendo più che aggiungendo, potremo rallentare, prendere un bel respiro ed esprimere ciò che di meglio abbiamo dentro, senza distrazioni tecniche o tecnologiche, senza complicazioni o calcoli, usando unicamente quello che ci distingue : la nostra sensibilità, le nostre emozioni e il nostro pensiero.

Quindi alla fine, restando in ambito fotografico, meglio continuare ad utilizzare un corpo macchina di due anni fa con cui siamo praticamente in simbiosi, meglio utilizzare una sola lente fissa spostandoci con i nostri piedi, alla ricerca del NOSTRO modo di vedere le cose, piuttosto che appesantirci con due o tre obiettivi zoom.

Ognuno di noi è artefice dei proprio risultati, dei propri successi come dei propri fallimenti, che nascondiamo dietro al facile alibi di strumenti inappropriati, quando invece siamo noi a non essere all’altezza. Non dico che uno strumento migliore, una macchina fotografica migliore non siano di aiuto, ma un cuore ed un cervello dalla parte giusta, servono sicuramente di più.

Henri Cartier-Bresson, Ansel Adams o Robert Capa, utilizzavano delle scatole del tonno con un ottica connessa, se confrontiamo quello che avevano a disposizione con le macchine fotografiche di oggi, ed il concetto si può estendere a qualsiasi arte o attività, a qualsiasi manifestazione del genio umano nel passato, ancora una volta a confermare che ciò conta è l’uomo, la persona, non lo strumento.

La migliore macchina fotografica di sempre

E allora sono pronto ad acquistare una nuova macchina fotografica, lo strumento definitivo.
Non penso sarà una Sony A9, una Canon od una Nikon…la migliore macchina di sempre sarà quella che accenderà il mio cervello e potrà contenere al suo interno un cuore umano, il mio.

Maurizio Mannini

Comments
Add Your Comment

CLOSE