MENU

your story

fotografia di matrimonio a FirenzeOgni matrimonio è un evento irripetibile, per cui è necessario non lasciare niente al caso. Questo non significa che tutto debba svolgersi secondo un copione prestabilito e che niente possa essere modificato, rischiando di mettere in scena uno spettacolo teatrale e non un momento unico in cui le emozioni, le belle emozioni, siano vere protagoniste.

Il consiglio che sempre diamo agli sposi, è quello di affidarsi a professionisti, ognuno nel proprio settore di competenza, in modo da non dover necessariamente tenere tutto sotto controllo, potendo vivere serenamente il proprio matrimonio, con la certezza che tutto si svolgerà nel migliore dei modi.

È fondamentale che tra gli sposi ed i fornitori (catering, responsabile della location, fotografi, parrucchiere, truccatrice, musicisti) si crei un rapporto di fiducia, che nasca proprio dalla confidenza nei propri mezzi e nella comprovata professionalità che ogni fornitore, può e deve mettere in campo.

Matrimonio: il piano B

Assieme alla professionalità, crediamo sia importante avere sempre ed in ogni caso, un piano B. Tutto nell’evento matrimonio può essere studiato e pianificato, ma sfortunatamente, qualcosa potrà andare diversamente da come previsto, richiedendo di essere capaci di trovare un’alternativa, altrettanto valida e di qualità.

Per noi fotografi la variabile più imprevedibile è certamente la condizione climatica, per cui in ogni location cerchiamo anche uno spazio al coperto per realizzare le nostre immagini: non sono necessari grandi ambienti, è sufficiente una parete interessante, o una poltrona particolare, una carta da parati come scenografia, ed il gioco è fatto.

Ed in caso di pioggia o maltempo, potremo sempre realizzare immagini all’aperto, creando panoramiche in grandi spazi… dal momento che abbiamo sempre con noi ombrelli dedicati agli sposi!

Pensate che le foto con la pioggia non siano interessanti ? Niente di più falso… un cielo coperto e nuvoloso, crea bellissimi effetti di luce, conferendo alle immagini interesse e drammaticità.

Il disporre di un tempo limitato, è un altra variabile che richiede un’attenta gestione da parte di noi fotografi. Consigliamo sempre ai nostri sposi di riservarci uno spazio di circa 40/50 minuti all’ interno della loro giornata, per realizzare quelli che noi chiamiamo ritratti creativi. Purtroppo, nel vortice degli eventi del matrimonio, questo tempo spesso si riduce sensibilmente, limitando la possibilità di avere una scelta più ampia di immagini. In questi casi, proponiamo come alternativa quella di suddividere i “ritratti creativi” in più momenti, con sessioni più brevi, magari da circa 20 minuti, ad esempio durante lo spostamento dalla cerimonia al ricevimento, per poi riprendere durante il pranzo o la cena, nelle pause tra le portate, o magari a fine serata, in modo da non intralciare o ritardare lo svolgersi dell’evento: che la festa continui!

Daniela Demichele

Commenti

[…] fare in queste situazioni? Come abbiamo scritto in un precedente articolo, é essenziale avere un piano B, e non temete…il servizio fotografico sarà portato a termine ugualmente, con lo stesso […]

Lascia un commento

CLOSE